L'angolo adatto per nani, ballerine, cantanti, troie, alcolizzati e illusi. Ovviamente qui nulla è serio...se sei dei nostri...benvenuto, entra pure

martedì, gennaio 24, 2012

Niente

Sparire senza dire niente.
Chissà quante volte e quanti di voi lo avranno pensato.
Poi c'è chi è più forte e lo fa veramente, sfruttando qualche strana scia o navi che affondano.
Sparire è un pò come diventare niente. La strana forma che dà un valore alla sostanza.
Ci sono cose simili al niente che vanno nel vento e a volte prendono forma sui muri.
Ora sarebbe bello avere un sottofondo, ma non sò suonare a mani nude su un tavolo.
Lo strano effetto eco di pensare a testa alta chiusi in una stanza molto grande, da soli.
Pensare a niente non è possibile, nemmeno quando cerchi di fare di tutto per farlo. Ti
concentri sul niente ma è proprio a quello che pensi.
Niente è bello, niente ha valore, niente ha merito.
Il niente prende forma così, prende valore così e diventa oggettivamente bello.
Niente è bello come non avere niente da fare, da pensare, da decifrare.
Si può sparire senza dire niente.
Chissà quante volte e quanti di voi lo avranno pensato.
Tornando indietro poi dai tornanti della fantasia per un amore reale, un animale da accudire,
le rate da pagare o un amico da aiutare.
Fanno fiamme nel passato e buttano acqua sul futuro. Parola strana "futuro", se associata a
niente. Ma non hanno valore messe insieme, futuro batte niente.
Anche se del futuro non te ne fai niente e non pensi a niente per il futuro.
Qui ci starebbe bene un assolo di chitarra ma non riesco a trovare il modo di suonare
una sedia se non tirandola contro il muro. Senza poi sapere dove sedermi.
Sul niente forse, ma in questo caso si vedono i limite del niente.
L'antimaterialità che lo rende bello e al tempo stesso inutile. Nel presente e nel futuro.
Ecco, forse la chiave è questa. Niente del presente sarà utile nel futuro, oppure il contrario
e quindi tutto tornerebbe.
Che poi forse adesso il fisico c'è per fare a meno di niente e sentirsi tutto.
Sparire nel niente, cosa impossibile e quasi irreale.
Ve lo sarete chiesti anche voi prima o poi, chissà quante volte.
Ora una chiusura di batteria, batto le mani, spengo la luce. Niente.

3 commenti:

Francesco Gavatorta ha detto...

Il tuo post è un toccasana, in questo momento. Bravo Simo.

krepa ha detto...

anche il tuo commento in questo momento, grazie Francesco.

Francesco Gavatorta ha detto...

Sono fRa, solo che mi ha cambiato il nome l'account di G+.
Sì, insomma, sono sempre io :)