L'angolo adatto per nani, ballerine, cantanti, troie, alcolizzati e illusi. Ovviamente qui nulla è serio...se sei dei nostri...benvenuto, entra pure

mercoledì, febbraio 28, 2007

Giovani Snob Giocano a Fare i Dannati del Rock. Noi NO

La prima birra va giù liscia per chi ha corso tanto per arrivare qui in tempo per non leggere CHIUSO sulla porta. Perchè di stare fuori si è rotto il cazzo e ora vuole le sue cose.
Va giù veloce in gola, è la tua acqua cane bastonato, la benzina del tuo motore stopposo e ruttante.
Sporco anche dopo una doccia, comne quando il salmastro non lo togli neppure con tre lavaggi e gli abiti puzzano ancora di mare. Che bella puzza.
Ti trovi a vagare non sai dove, col quartiere in festa e un gran silenzio chiuso in testa, col tuo branco assonnato alle spalle. Cani randagi, troppo belli per avere un solo padrone.
Non che non ci abbiano provato a metterci un guinzaglio.
Ma la seconda birra è quasi d'obbligo e le imposizioni a volte servono.
Un pugno sul bancone e una bestemmia, un taglio sulla mano per un vetro isolato che aspettava solo quello per darsi importanza. Una leccata basta a sentire il dolce del sangue e poi via, che siamo abituati a certe botte e tutto si rimargina col tempo. Anche il cuore, dicono.
Le chicchiere si sprecano e isolano l'attenzione su noi, cani sciolti altezzosi, sotto il cono di luce del lampione, mentre pisciamo per far posto alla terza doppio malto. Rossa questa volta.
Il buio tutto intorno ci avvolge e siam sicuri che non ci farà nulla di male, perchè siamo INSIEME e insieme non abbiam paura. Forse troppo folli e insensati, forse inutilmente pensatori e forse perdenti, sicuramente cnvinti che queste siano tutte cazzate e che sia quel che sia ma quel poco si valga.
Ancora odori di strada e camere da letto. Il sapore del salmastro in bocca ci dà nausea, conosciuto troppe volte e spesso a male intenzioni, vaghiamo in cerca di emozioni e di una donna con cui dormire e non soltanto scopare.
Maledicendo il poco cibo mangiato, pensiamo a perchè qualcuno maledisse Dio al posto nostro dandoci così tanto peso sulla coscienza, così tanta finta morale in giro e tutte quelle teste di merda da cui difenderci. E' per questo che siam randagi, per difesa.
La quarta media è per far cifra tonda e disperde in sè un èò di ansie e PAURE. Di colpo si ride di gusto e dal fondo del locale, un vecchio ubriaco grida un "fanculo" a squarciagola.
Ci uniamo al coro contro chi vuole portarci via il futuro, i sogni e l'erba verde. Anche contro noi stessi. Come cani sciolti che fan la corte alla luna.
Ci abbracciamo e ridiamo, poi piango perchè penso a quante ne abbiamo fatte e non torneranno più, però, subito dopo, penso a quante ne faremo ancora e fuori torna il sereno.
Ci allontaniamo danzando in cerchio rivolta alla luna che ci coccola indifferente. Un altro vecchio in doppiopetto esce dal bar e dice: "i soliti alcolizzati", ma l'uomo dietro al bancone lo ammonisce e chiosa: "quelli non sono poveri abbandonati, non hanno bisogno dell'alcol per sentirsi vivi. Hanno solo capito che prima di trovare la loro tana hanno bisogno di vivere sciolti, come cani randagi...e corrono sulla strada, nel quartiere...". Le ultime due birre da asporto da smezzare in viaggio, l'odore dei fossi che entra nelle narici e via di corsa verso la prossima emozione.

12 commenti:

sonia ha detto...

Krepa, quando sono in forma, riesco a scolarmi non so nemmeno io quante birre a sera. Una quindicina tutte...e qunto mi piace la sbronzetta da birra!

Se dovessi berne adesso credo che collasserei co tutte le medicine dell'influenza che ho ringurgitato.

Un abbraccione!

andrea ha detto...

spettacolare!!!

Ca ha detto...

Ti auguro di vivere sempre come parte di un tutto, "briglia sciolta" non è male, è libertà.

tony cagnaccio ha detto...

e poi come bambini perchè questo a volte siamo a correre brancolando e dondolando a sfidare il buio e la sbronza a bere ancora a cercare un baracchino a pisciare su un tombino cantando qualche canzone e vivendo l'emozione rotolandoci per terra e ricordando e dimenticando e poi chissà che succederà forse niente o tutto o meglio qualcosa perchè qualcosa sempre succede bello brutto o indifferente ma nessuno mai mi potrà levare l'odore e la sporcizia e il sapore di quelle birre con i miei randagi e il cielo sopra le teste che non ci giudica perchè anche lui a volte si sente ubriaco sotto di noi e come noi ha solo voglia di sentirsi libero da tutti e con la testa tra le nuvole ma come noi non potrà mai essere perchè sarà anche immenso il cielo ma non ha la nostra reciproca compagnia ed è la cosa più prezioosa che ho. ti voglio bene fratello

krepa ha detto...

@sonia:brava vai così...devi arrivare a 16
@andrea:ma cosa?
@ca:già non sarebbe male
@tony:guarda che la punteggiatura non la faccio mica pagare...scherzo...un abbraccio frate

tony cicaboom ha detto...

non la metto così ognuno interpreta la cosa a modo suo.è un nuovo stile di scrittura.sono avanti io

Giulia ha detto...

La prossima emozione puoi trovarla
in mille altri modi...
Sai sfornare pagnotte, filoncini,
quartini, rosette, pizze, panini..
Hai l'imbarazzo della scelta..
Quindi cambia..
E non temere il cambiamento.
Puoi trovare il peggio,
ma hai la stessa probabilità
di trovare il meglio.
La prossima emozione
puoi sentirla vera e forte
senza doverla cercare con forza
o al contrario anestetizzare.
Non smettere mai di emozionarti,
ma non pensare mai
che le emozioni siano solo lì,
in quella che tu chiami "libertà".
Esite un libertà ugualmente,
se non più emozionante,
che non ti lascia l'amaro in bocca.
Ma una gran voglia di vivere.

Nessuno vuole metterti il guinzaglio.
Perchè chi "ti vuole bene"
"vuole il tuo bene".

PS: A me la punteggiatura
invece avanza sempre..
E soprattutto
i capoversi.

Fra ha detto...

Evviva la birra, meno male che c'è lei.q

krepa ha detto...

@tony:troppo avanti...
@giulia:le emozioni credo siano dove si riesce a trovarle. a volte mi emoziono persino dalle parole di un vecchio...altre a vedere foto...altre mai...
@fra:puoi dirlo forte

Giulia ha detto...

Volevo informarti di quella iniziativa
dei filmati ironici(retribuiti)
ma non riesco a trovare la tua mail.
Dimmi solo se ti interessa.
Ciao panettiere..

Alberto ha detto...

Mi hanno sempre colpito i vecchi ubriachi.
Probabilmente se avessi assistito anche io alla scena che hai descritto tu, avrei provato a chiedere a quell'uomo perché gridava fanculo a squarciagola; come a volergli rubare il segreto di una strada da evitare sul cammino che ancora mi attende... ;-)

Un abbraccio mappadeltesoro :-)

P.S. Ma perché Giulia scrive i suoi commenti come fossero poesie o canzoni, mandando a capo a metà frase? ...mumble...

krepa ha detto...

@giulia:mi interessa....ma ora nn ho internet in casa
la mia mail: krepa@tiscali.it
@alberto:viva i fanculo gridati a squarciagola...
giulia scrive così perchè la fanciulla ha la poesia dentro...credo