L'angolo adatto per nani, ballerine, cantanti, troie, alcolizzati e illusi. Ovviamente qui nulla è serio...se sei dei nostri...benvenuto, entra pure

lunedì, settembre 10, 2007

show MUST go on

Il brusìo di là, nella sala, si è fatto ormai assordante. Tutto pronto e ogni poltroncina ha il suo bel sedere che la scalda.
Nessuno, sottolineo nessuno, si azzarderà a tardare di un solo minuto. Neppure per pisciare.
Sta andando in onda lo spettacolo della vita, il circo delle fiere in calzoncini, delle attricette in gonnella.
Lo spettacolo della vita. Perchè la vita è spettacolare a modo suo, sia che sia nato ad Arcore, sia che tu venga dal più nero caso di multipaternità della nera Africa.
A modo suo tutto è spettacolo e tutto è ironicamente artistico.

Ogni mattina l'alzarsi incerto della sveglia e l'avanzare stanco verso il primo abbaglio. Accecato dall'aprirsi del sipario, è iniziato lo spettacolo e come buon capo carovana, ecco arrivare i primi giudizi dal pubblico.
Applausi risate e fischi, che calcio di inizio sia.
Mentre come una rock star impugni lo spazzolino e fai gargarismi, non sia mai che ci si dimentichi di stonare sottoil caldo vellutato dell'acqua che ti scorre addosso, veloce come il tempo, dall'alto verso il basso.
Con lo spazzolone del cesso dirigi la tua orchestra, dieci minuti di potere spensierato prima di maledire il suono dei clacson, la tua suoneria del cellulare e la voce di qualche stronzo che proprio non digerisci.
Mentre sogni la posizione dai quadrupedi che percorrono la pista consumata del tuo circo interno, insieme a ballerine in abiti succinti che hanno il volto della bionda che ti sta vicino in metropolitana, della brunetta dell'ufficio o della puttana della tua capa.
Occhi aperti su un mondo nuovo che ritrai in piccoli ritratti che porterai con te per un'ora, un giorno o tutta la vita.
E ancora l'amaro in bocca delle troppe birre della sera prima ti fan sembrare un "mangia fuoco", pronto a stupire il tuo pubblico. Una nuova magia e subito scrosciano applausi, un palloncino a un piccolo ammiratore e un sorriso a un fiore di bellezza.

Ci sono giorni in cui lo spettacolo riesce ed altri, troppi, in cui stecchi la nota finale o sbagli un goal già fatto. Ci sono volte in cui piaci al pubblico e altre in cui ti indebiti a rimborsare biglietti anche a chi è entrato scavalcando i cancelli che ti imponi.
L'importante è andare avanti, semplice e banale.
Anche se si sbaglia la battuta o ti viene da ridere. Anche se sei troppo stanco.

Ed ora squillino le trombe o si accendano le luci, passino i titoli di coda o rullino i tamburi.
Lo spettacolo deve continuare.

15 commenti:

Alberto ha detto...

PRIMOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO...
:-D

Da Freddy Mercury in giù, non ho mai amato molto la filosofia di quella canzone; anzi, ti dirò, mi sento molto più intonato su "The great pretender" e "Who wants to live forever?"... :-/

Ma sono cristiano, credente e sento un fortissima responsabilità verso mio padre, che si aspetta che io sia il suo "bastone della vecchiaia" da quando avevo 10 anni, e che quando mi vede mi sorride come neanche un bambino quando entra in pasticceria. Una tenerezza indicibile, credimi. ;-)

E allora che lo spettacolo continui!
E che importa se Arlecchin s'invola Colombina?
Ridi, pagliaccio*, e ognun appaludirà!!! :-/

Un abbraccio Leoncavallo :-)

*solo una citazione, non un insulto per te.

Killo ha detto...

ciao bello...soddisfatto dei risultati che ottieni dalla mia classifica?

Sei ancora primo..BENE!!!

Mi fa piacere sta cosa..rispondimi sul mio...(anche sulla tag board)


P.s.:se ti passasse per l' idea di aggiungermi ai Blog amici..avvisami che farò lo steso!!!!

cler ha detto...

no,l'ho solo guardato perplessa.
cmq, visto che l'altra volta hai lamentato l'organizzazione...stasera se passi al mom guardati attorno, io sono in giro a salutare un po'di gente. cià :)

juliette ha detto...

E' un periodo che il mio spettacolo continua ad avere stecche ed errori, buchi di memoria, comparse non richieste, i suoni e le luci non sono sincronizzati, e che cavolo, ce ne fosse una che mi va giusta!
Ma so che domani arriveranno i giorni degli scroscianti applausi, non resta che aspettare.
Ps. ma come caspita scrivi bene! :-)

Anonimo ha detto...

Come procedono i preparativo x il festival,sarei molto tentata di ri-proprmi come volontaria anche solo x un paio di giorni,vedo se il lavoro me lo permette e se riesco a trscinare le mie colleghe!intanto buon lavoro simone!
secondo te ci potrebbe essere un posticino alla casa dei registi?baci,jenny

krepa ha detto...

@alberto:andare avanti è la cosa principale, per se o per altri poco importa. comunque il "pagliaccio" va bene, mi onora
@killo:ho davvero poco tempo libero ora, ma appena posso ti aggiungo
@cler:per vedermi in giro questi giorni, sempre lo voglia, vieni al Festival, altrimenti non ho vita sociale
@juliette:ti auguro gli applausi, io mi accontento di vedere gli altri applauditi, anche se dopo un pò mi stanco. grazie per l'immeritato complimento
@jenny:ciao!!!non so se c'è ancora posto, devi mandare una mail e chiedere di Nicola, credo...io faccio solo il RUNNER, ovvero i lavoracci di fatica, l'unica cosa che una bestia come me può fare...ma almeno mi pagano

MusEum ha detto...

Hai detto bene: lo spettacolo DEVE continuare.

Anche se ti osteggiano, anche se i tuoi tentativi di lasciare un segno vengono sabotati da chi è invidioso del tuo entusiasmo, della luce che emani ogni volta che riesci a fare la cosa che ami.

E intanto tu, pieno di lividi e un po' acciaccato, la sfanghi anche stavolta, nonostante tutti i tuoi difetti.

Tra gli sguardi incuriositi dei passanti, l'ammirazione di chi non credeva ce l'avresti mai fatta, il disappunto dei tuoi nemici, risali in superficie e respiri l'aria fresca a pieni polmoni.

Hai fatto un altro passo verso il tuo posto nel mondo.

Sara ha detto...

Hell is gone and heaven's here
There's nothing left for you to fear
Shake your arse come over here
Now scream!!!

Giulia ha detto...

Simone, non sono più nella blogsfera,
ma quando mi sento e riesco
non posso non passare a mandarti un bacio
e a seguire le tue novità.
Grazie perché comunque rimani
un bel respiro profondo.
Giulia

Viola ha detto...

Ci sono sempre...ti leggo...vado sempre di corsa...ho preso il tuo contatto msn...ti ho aggiunto..potevo?'

krepa ha detto...

@museum:l'hai detto...
@sara:......
@giulia:ciao piccola. passa quando vuoi, commenta, fatti sentire...ma perchè hai chiuso il blog?
@viola:hai fatto benissimo

@tutti:non ho secondi liberi ultimamente, ma venitemi a trovare al Milano Film Festival. ci sono tutti i giorni a tutte le ore, tra lo Strehler e Piazza del Cannone(Sempione). Baci

Alberto ha detto...

POST SCRIPTUM –> (cioè: “ho scritto un nuovo post”) :-)

Anonimo ha detto...

Uh...sempre come al solito Krepa: un piacere leggerti.

Si fanno terribili sbagli...non ti ho letto per un pò, ero in una specie di pausa di riflessione...

Lo spettacolo deve continuare...

MY

Laura ha detto...

che droga usi?

krepa ha detto...

@alberto:verrò a leggere
@My:bentornata...l'errore è essere tornata, scherzo...
@laura:non uso droghe. Pensa che se fumo tossisco per mezzora