L'angolo adatto per nani, ballerine, cantanti, troie, alcolizzati e illusi. Ovviamente qui nulla è serio...se sei dei nostri...benvenuto, entra pure

lunedì, settembre 03, 2007

Vie di qua

Se esco da casa è, di norma, per farne ritorno dopo molte ore, passate spesso tra le quattro mura di questa città.
Uscendo dal portone vado quasi sempre verso destra, direzione Duomo, centro, vita bella e borghesia, ma anche semplicemente le mie Colonne e il mio nuovo ufficio, che ancora si ostinano a chiamare palestra.
Quando esco e vado a sinistra lo faccio solo per il cuore, raggiungendo Muggiano o il campo dell'Orione. Sì, perchè sempre più è da questi posti che mi arrivano le emozioni più vicine al cuore.

Sono quasi sempre a piedi, perchè per i pochi che ancora non lo sanno, non guido.
Sono quasi sempre a piedi anche perchè adoro camminare per le vie che sempre più amo e che, saltuariamente, arrivo ad odiare al punto tale da non aver voglia di guardarle in faccia e affrontarle. E' in quei giorni e in quelle sere che cammino senza far caso a nulla, alle auto parcheggiate o alle faccie che incrocio, ai barboni, alle merde dei cani o ai lampioni stonati.
E' quando amo Milano che osservo con attenzione tutto e faccio il giro più lungo pur di guardar scorrere il Naviglio e passeggiare i milanesi (o presunti tali), vedere gli ultimi tiratardi alle 5 del mattino e le ragazzine in giro in via Torino alle 3 del pomeriggio. Arrivo addirittura ad amare i mezzi pubblici e il caos delle ore di punta, le donnine cariche di borse, i vecchi brontoloni (attenzione non uso la parola rompicoglioni per educazione) e le donne in carriera, belle e grintose nei loro tailleur che mi incutono timore. Riesco anche a prendere come rito l'aperitivo e non solo come scusa per vedere qualche ora i miei amici, ma anche come moda (o scusa per vedere quante gnocche ci sono sempre nei gruppi degli altri).
Sono i giorni in cui riesco a stare in giro per ore per Milano promuovendo un Festival e sentendomi mandare a fare in culo, ridendoci sopra, nei quali non mi interessa essere solo, l'importante è non avere nessuno vicino che mi rompa i coglioni.
Sento che inizia qualcosa di importante e intanto mi scaldo come posso, tra un lavoretto per i soldi e qualcosa che ancora non so con precisione.

Nell'esser certo dell'incertezza, nell'esser certo che senza farmi il culo non arrivo da nessuna parte.
Proprio per questo ora scendo ancora in strada, nelle vie che amo e in cui sono cresciuto. Dove ho imparato a pensare e nessuno mi romperà le palle sul cosa fare o dire, dove ancora trovo chi mi saluta col sorriso e penserò, magari, anche a qualcosa di serio...
Savona, Giambellino, Solari...etc...etc...etc...

"Il potere conserva monumenti cari al dettame nazionalista e patriottardo, ma distrugge la cultura ambientale: artigiani, operai, popolo, dialetti e usanze"

Vie che portano ad aiutare che soffre. Vai qui, da Morgan............................è importante...

8 commenti:

malla#14 ha detto...

...parole che dipingono le strade che piacciono anche a me....

pat ha detto...

Neanche io guido.
E quando mi rispondono perchè...a 26 anni...rispondo solo, perchè mi fa comodo.
Perchè le strade dove non si passa in macchina sono più colorate.

Un bacio

Cilions ha detto...

E' il vantaggio di vivere in una città come Milano, si può (anzi si dovrebbe) evitare di spostarsi in auto!
Troppo caos però per i miei gusti...

krepa ha detto...

@malla:...ok stasera ti darò un bacio...
@pat:sono più colorate, hanno più odori...però non sarebbe male se prendessi ogni tanto la macchina, mi toglierebbe da brutte situazioni
@cilions:alla fin fine credo che vivere in una grande città non sia molto diverso dal piccolo paese, anche qui ci si crea la propria comunità, i propri luoghi etc etc...

Sara ha detto...

ho cercato di fare un commento ma non è stato pubblicato, forse perchè era troppo lungo :(..uffiss
lo metterò più avanti come post nel mio blog e sarà la mia visione della tua (mia?) città

Alberto ha detto...

Forse questa non la conosci...

Milano vicino all'Europa
Milano che banche che cambi
Milano gambe aperte
Milano che ride e si diverte
Milano a teatro
un ole' da torero
Milano che quando piange
piange davvero
Milano Carabinieri Polizia
che guardano sereni
chiudi gli occhi e voli via
Milano a portata di mano
ti fa una domanda in tedesco
e ti risponde in siciliano
poi Milan e Benfica
Milano che fatica
Milano sempre pronta al Natale
che quando passa piange
e ci rimane male
Milano sguardo maligno di Dio
zucchero e catrame
Milano ogni volta
che mi tocca di venire
mi prendi allo stomaco
mi fai morire
Milano senza fortuna
mi porti con te
sotto terra o sulla luna
Milano tre milioni
respiro di un polmone solo
Milano che come un uccello
gli sparano
ma anche riprende il volo
Milano piovuta dal cielo
tra la vita e la morte
continua il tuo mistero
Milano tre milioni
respiro di un polmone solo
che come un uccello
gli sparano
ma anche riprende il volo
Milano lontana dal cielo
tra la vita e la morte
continua il tuo mistero
uh uh uh uh

Milano - Lucio Dalla

Per approfondire, torno stanotte. ;-)

Un abbraccio terùn :-)

Alberto ha detto...

ERRATA CORRIGE (non l'avevo controllata...)

Milano vicino all'Europa.
Milano che banche, che cambi!
Milano gambe aperte...
Milano che ride e si diverte!
Milano a teatro
un olè da torero.
Milano che quando piange,
piange davvero.
Milano Carabinieri Polizia
che guardano SEVERI,
chiudi gli occhi e voli via!
Milano a portata di mano:
ti fa una domanda in tedesco
e ti risponde in siciliano.
Poi Milan e Benfica,
Milano che fatica!
Milano sempre pronta al Natale
che quando passa piange
e ci rimane male.
Milano sguardo maligno di Dio,
zucchero e catrame.
Milano ogni volta
che mi tocca di venire
mi prendi allo stomaco,
mi fai morire.
Milano senza fortuna
mi porti con te
sotto terra o sulla luna.
Milano tre milioni
respiro di un polmone solo
Milano che come un uccello
gli sparano,
CADE, SI RIALZA E riprende il volo.
Milano piovuta dal cielo
tra la vita e la morte
continua il tuo mistero
Milano tre milioni
respiro di un polmone solo
che come un uccello
gli sparano,
CADE, SI RIALZA E riprende il volo.
Milano lontana dal cielo
tra la vita e la morte
continua il tuo mistero
uh uh uh uh

(così è corretta) ;-)

krepa ha detto...

@sara:voglio una citazione nel tuo post sulla mia(tua?!) città
@alberto:bellissima citazione di Dalla...grande!!!